Archivio della categoria: Primi

Tortini di riso ai quattro formaggi

Il riso, mon amour (tortini di riso ai quattro formaggi)

Mi è stata chiesta una cena come regalo di compleanno e, ben lieta di poter realizzare nuove ricette per qualcuno, mi sono messa a cercare un tema: quale tema potevo scegliere se non “il riso”?

Dal libro Il riso italiano in 40 torte dolci e salate, realizzato per l’Ente Nazionale Risi dall’ICIF, ho preso la ricetta del tortino di riso ai quattro formaggi, una vera delizia per il palato.

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • 280g di riso Carnaroli
  • 120g di Gorgonzola
  • 100g di Provola dolce
  • 100g di Fontina
  • 60g di Grana Padano grattuggiato
  • 2 uova
  • 30g di burro
  • 30g di pane grattuggiato (ovviamente nel nostro caso glutenfree)
  • Sale e pepe q.b.

Per la salsa

  • 250g di piselli teneri
  • Panna q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.

 

PROCEDIMENTO

Lessate il riso in acqua salata per dieci minuti, scolatelo e raffreddatelo rapidamente.

Tagliate a cubetti il Gorgonzola, la Fontina e la Provola.

Passate il burro sul fondo e sui bordi di quattro stampini di alluminio e cospargeteli bene con il pane grattuggiato.

Unite al riso i formaggi tagliati, il Grana grattuggiato, le uova e poi aggiustate di sale e pepe. Riempite gli stampi con il composto così ottenuto e metteteli a cuocere in forno a 180° per circa 15 minuti.

Per la salsa, cuocete in abbondante acqua salata i piselli e a cottura ultimata fateli emulsionare in un frullatore con poca panna, l’olio e poco sale.

I tortini serviti caldi sulla salsa sono qualcosa di eccezionale: gustosi, ma delicati, sono un piatto ideale per chi come me adora sia il riso che il formaggio.

 

Gnocchi panna e speck

Casa nuova, cucina nuova

No, non sono sparita e non ho smesso di cucinare improvvisamente. Ho traslocato in una casa più grande e il trasloco ha risucchiato buona parte del mio tempo e ha portato parecchi disguidi per quel che riguarda la linea internet. Eppure eccomi di nuovo qui a scrivere. Ora che finalmente le cose indispensabili sono sistemate, mi metto di nuovo ai fornelli, quelli nuovi però, ovvero il mio adorato e per ora scintillante piano cottura con 6 fornelli. Basta tetris con pentole e cibo, basta scorte di cibo negli scatoloni.Finalmente la cucina come voglio io!

Come inaugurare ufficialmente la cucina nuova se non con un pranzo con gli amici? In questo caso due amici di Bergamo che ci hanno raggiunto a pranzo ieri e con i quali poi abbiamo fatto un bel giro sul lago.

Il menù doveva per forza di cose prevedere piatti veloci da preparare in modo da godermi anche la loro compagnia. Così, dopo aver deciso di mangiare sul cortiletto annesso al mio appartamento, la scelta del primo piatto è ricaduta sugli gnocchi senza glutine. Semplici e veloci da preparare, saltati in padella con striscioline di speck e panna e poi resi sfiziosi con una macinata di pepe.

Cosa ho scelto come secondo? Lo saprete solo col prossimo articolo. 😉

Crespelle secondo Barbieri

Crespelle gratinate con cardi, salsiccia e salsa di caprini

Rieccomi qui, dopo una lunga pausa dalla mia cucina per vari motivi, a raccontare i miei esperimenti glutenfree. Per ricominciare in bellezza ho pensato di provare una ricetta direttamente dal libro Squisitamente senza glutine di Bruno Barbieri (edito Bibliotheca culinaria). Le crespelle gratinate con cardi, salsiccia e salsa di caprini sono un piatto gustoso e dai sapori equilibrati.

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • 2 uova
  • 180g di latte intero
  • 80g di farina senza glutine con derivati del latte per pasta e dolci (lui usa la BI-AGLUT)
  • un cubetto di grasso di prosciutto
  • 4 coste di cardi
  • 200g di salsiccia aperta e sgranata
  • 100g di Parmigiano reggiano
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • pepe nero
  • 2 caprini freschi
  • 100g di panna
  • qualche foglia di salvia

PROCEDIMENTO

Si prepara l’impasto per le crespelle sbattendo in una ciotola le uova con il latte e unendovi sucessivamente la farina setacciata e un pizzico di sale. L’impasto così preparato va lasciato riposare per circa 30 minuti.

In una padella antiaderente appena velata con il grasso del prosciutto, si versa un mestolo dell’impasto facendolo ruotare velocemente per formare uno strato sottile e uniforme. Appena questo rapprende, lo si gira per far dorare brevemente l’altro lato. L’operazione va poi ripetuta fino a terminare tutto l’impasto.

A parte, si rosola lo spicchio d’aglio in un filo di olio extravergine d’oliva, vi si aggiunge la salsiccia sgranata e si cuoce per un paio di minuti, aggiungendovi poi il cardo precedentemente sbollentato e tagliato a pezzetti. Poi si aggiusta di sale e pepe.

Si farciscono le crespelle con la salsiccia e i cardi, le si spolverizza con il Parmigiano e le si fa gratinare sotto il grill del forno per un paio di minuti.

Per la salsa si fanno fondere i due caprini a bagnomaria con la panna e la salvia e si fa ridurre il tutto. La salsa sarà pronta quando vela il cucchiaio.

La presentazione proposta dal libro consiste nel sistemare le crespelle nel piatto di servizio, nappare con la salsa di caprini e guarnire con un rametto di timo limonato. Io non ho trovato il timo limonato e devo inoltre ammettere che la mia presentazione andrebbe un tantino perfezionata, tuttavia posso garantire che il sapore era ottimo e di certo è un piatto da riproporre di quando in quando.

zuppa di patate (Germania)

La zuppa di patate

Prima che le temperature si alzino davvero mi è venuta voglia di mangiare una bella zuppa e mi sono messa a sfogliare i miei libri di cucina in cerca di una ricetta gustosa. Curiosando nel Ricettario del mondo, edito da Giunti Demetra, ho scovato una ricetta proveniente dalla Germania e ho deciso di realizzarla.

INGREDIENTI

  • 1 kg di patate
  • 300 g di pancetta affumicata
  • 1 grossa cipolla
  • 2 carote
  • 1 pezzo di sedano di Verona
  • 1 gambo di sedano
  • 30 g di burro
  • 1 l di brodo
  • Prezzemolo
  • Sale

PROCEDIMENTO

Dopo aver fatto dorare il burro in una pentola, si fa soffriggere per qualche minuto la pancetta e vi si aggiungono poi la cipolla affettata, le carote, il sedano di Verona e il gambo di sedano tagliati a pezzi. Si aggiungono poi alle altre verdure le patate sbucciate e tagliate a pezzi, si versa il brodo e si copre, facendo cuocere il tutto a fuoco moderato per circa un’ora. Trascorso questo tempo si passa metà delle verdure nel passaverdure e le si rimette nella pentola. Si aggiunge il prezzemolo, si sala e si mescola con cura, facendo poi cuocere ancora per qualche minuto a fuoco basso. Si serve infine la zuppa ben calda, eventualmente accompagnata da crostini, ovviamente gluten free. Un piatto caldo e molto saporito.

Risotto al radicchio

Risotto al radicchio

Con l’influenza occorre non appesantirsi, ma mangiare quel minimo per rimettersi in forma. Oggi ho deciso di fare il risotto con il radicchio. Ho lavato e tagliato a listarelle il radicchio. Poi ho fatto rosolare in un po’ d’olio la cipolla tagliata alla julienne e vi ho unito il radicchio facendolo appassire. Ho aggiunto un mestolo di brodo di verdure fatto in casa e ho coperto la padella per un paio di minuti in modo da far stufare leggermente il radicchio. In seguito ho aggiunto il riso, amalgamando bene il tutto, e ho aggiunto un goccio di vino rosso facendolo sfumare, per poi portare avanti la cottura aggiungendo man mano il brodo. Una volta pronto l’ho fatto mantecare con un po’ di parmigiano grattuggiato e l’ho servito ben caldo. Ne è uscito un primo piatto leggero, ma gustoso.